Dracula di Bram Topker

24

Dracula di Bram Topker si ispira ad un classico della letteratura. Si tratta di una parodia in versione topolinesca, ristampata in Limited Deluxe Edition, in fumetteria ad ottobre 2016 (al prezzo di 9,90 euro). E’ stata realizzata da Bruno Enna e Fabio Celoni. Nella versione originale è stata pubblicata in due puntate sui numeri 2945 e 2946 di Topolino. E’ stata modellata in tutto e per tutto sull’omonimo romanzo dello scrittore Bram Stoker. Inoltre la storia a fumetti riprende anche il film Dracula.

I personaggi principali

Il protagonista di Dracula di Bram Topker è Topolino, che impersona Jonathan Ratker. Accanto a lui Minni, che impersona Minnina Murray. Poi troviamo Clarabella, nel ruolo di Clara-Lucilla Westerna, Orazio, che interpreta Orace Sorchwood, il commissario Basettoni, che impersona Buz Setton, Pippo nei panni del professore Pippo Van Helsing. E poi ancora Gambadilegno nel ruolo di Pietro Gambafield, Rock Sassi che impersona Rocky P. Sassis e Macchia Nera, nel ruolo del conte Dracula.

Il primo episodio

dracula di bram topker

Topolino è partito da Londra per raggiungere il castello del conte Dracula. E’ stato lo stesso Conte ad invitare Topolino, per sottoporgli una consulenza legale riguardo ad alcune proprietà che possiede a Londra. Dopo aver discusso degli affari, il conte non vuole far ripartire Topolino. Il giovane avvocato inglese è costretto a scrivere alla sua amata Minni e le dice di dimenticarlo, perché non ritornerà più.

Minni crede alle parole di Topolino e sospetta che egli voglia lasciarla per sempre. Interviene allora Clarabella, sua amica, convincendola ad organizzare una festa per dimenticare il suo fidanzato. Alla festa partecipano Orazio, Basettoni e Rock Sassi. Nel corso dell’evento Clarabella manifesta uno strano comportamento ed è per questo che Minni, molto preoccupata, manda via gli ospiti e fa coricare la sua amica.

All’improvviso accade qualcosa di molto misterioso, perché nella camera da letto di Clarabella entra un individuo sconosciuto. La mucca Disney si trova tra le sue braccia: dapprima l’individuo si trasforma in lupo, poi in uno struzzo e infine in un pipistrello. Mini decide di convocare Pippo, nei panni di un professore esperto di stranezze a livello sovrannaturale.

Clarabella riesce a guarire grazie alle cure di Pippo e nel frattempo si viene a sapere che Topolino è riuscito a fuggire dal castello di Dracula.

Il secondo episodio

Il secondo episodio inizia con la spiegazione da parte di Pippo su tutto ciò che sa riguardo al conte Dracula. E’ proprio Pippo a chiarire che Dracula agisce nell’oscurità ed ha la capacità di trasformare le sue vittime in barbabietole giganti. Tutta l’allegra brigata decide di affrontare direttamente Dracula, anche perché il loro scopo è quello di salvare definitivamente Clarabella.

Decidono di recarsi nelle proprietà londinesi di Dracula per contaminarle con l’aglio, vero antidoto contro “Macchia Nera”. Dracula assale Minni, che rimane in contatto telepatico con lui, e scopre in questo modo che tutte le sue proprietà sono state contaminate.

Topolino e tutti i suoi amici seguono Dracula nel suo castello, dove egli si rifugia. Intraprendono con lui una dura lotta e alla fine il vampiro riesce ad essere bloccato per sempre nella forma animale.

Dracula di Bram Topker e le differenze con il romanzo di Stoker

A differenza di quanto accade nel romanzo di Bram Stoker, nella storia di Topolino il conte Dracula non si nutre di sangue, ma è in cerca di energia vitale. Le sue vittime non vengono trasformate in vampiri, ma in barbabietole viventi. Mentre nel romanzo di Bram Stoker molti personaggi alla fine trovano la morte, nella storia Disney tutti riescono a sopravvivere. Le uniche di cui non si conosce la sorte sono le serve di Dracula, che sono interpretate nella storia da tre topoline molto attraenti.

Molto particolare è il fatto di dare l’impressione che quasi Pippo provi un certo interesse nei confronti di Clarabella, sfaccettatura che, invece, non è presente nelle opere da cui trae ispirazione la storia disneyana.