EnciclopediaPaperi

Bum Bum Ghigno

Bum Bum GhignoBum Bum Ghigno è un personaggio dei fumetti, papero antropomorfo e di professione imbianchino. Vive a Paperopoli in una casa in periferia in Via dei Platani ed è vicino di casa del laboratorio di Archimede Pitagorico, oltre che suo amico. La sua casa è una villetta a due piani dipinta in due colori, un giallo – verde più acceso e un blu più cupo.

Proprio questi due colori rappresentano bene lo stato d’animo del suo proprietario che presenta un umore altalenante che va dall’ottimismo e la positività a momenti di sconforto e solitudine.

Ha una forte passione per i gangster – movie ed infatti in molti episodi ricorre questo particolare.

E’ molto impopolare, oltre che emarginato e burlato dai suoi concittadini forse anche per via dei suoi modi rozzi, sempliciotti e del suo aspetto trasandato.

L’aspetto fisico e l’indole di Bum Bum Ghigno

Bum Bum Ghigno è rappresentato fisicamente come grasso, brutto e impacciato.

Le sue caratteristiche più evidenti sono i quattro grossi denti che gli spuntano dal becco e due folte sopracciglia che quasi riempiono tutto il viso.

Il suo abbigliamento tipico è una salopette da lavoro, tipica divisa da imbianchino, con i pantaloni rattoppati forse per via del suo grosso pancione, portata sopra ad una camicia a quadri che usa arrotolata fino ai gomiti.

Fare l’imbianchino oltre ad essere il suo lavoro è anche una passione: si diletta a dipingere anche nel tempo libero.

A Paperopoli tutti lo emarginano tranne il suo vicino di casa Archimede e Paperino, suoi grandi amici, con i quali passa gran parte del suo tempo al bar di Poldo Crocchetta a bivaccare e a bere il tamarindo, la sua bevanda preferita.

In fondo, dietro a questa figura non tanto “nobile” si nasconde comunque un tenerone dal cuore dolce e bonario che fa sicuramente simpatia al lettore.

L’esordio di Bum Bum Ghigno

Nel 1997 compare per la prima volta questo personaggio nella storia “Paperino e la macchina della conoscenza”.

Inizialmente aveva un ruolo da cattivo e trasgressivo; infatti solo alla fine della storia c’è il suo pentimento (con poca convinzione).

Come carattere presenta dei caratteri peculiari di altri paperi noti come Paperino, Paperone e Paperoga ma come aspetto innovativo ha quello di essere “anticonformista” e di amare tutto ciò che è contro.

E’ un personaggio diverso dai soliti perché gretto, senza stile e praticamente opposto ad ogni bon – ton.

Proprio per questo può essere odiato o amato.

Curiosità sul personaggio

Tuttavia, tralasciando l’aspetto un po’ bonario, ingenuo e rude, in altre rappresentazioni il goffo papero è disegnato come un supereroe, l’Inbianchino Mascherato, che combatte le ingiustizie quotidiane.

Molto spesso gli autori ricorrono a questo stratagemma per trasformare un personaggio imbranato e impacciato, nobilitandolo in uno più apprezzato grazie ad un alter ego di solito da supereroe.

Certo è che lo sfortunatello Bum Bum Ghigno è frustrato e triste per come viene trattato dal resto della società e stanco di essere considerato da tutti un inetto.

Nella storia “Paperino, Archimede e l’anonimo Bum Bum”, proprio per non essere più emarginato e schernito dai suoi concittadini, riesce a fare in modo che questi appaiano in aspetto simili a lui, con i dentoni e le sopracciglia folte.

Si accorgerà che proprio questi sono i suoi tratti distintivi che lo rendono unico e che non c’è da vergognarsi di essere nato così.

Altri tratti del carattere di Bum Bum Ghigno sono l’essere un po’ tonto e orgoglioso tanto da credere di avere sempre ragione nonostante non riesca a comprendere nemmeno le cose molto ovvie.

Ad esempio, non riesce a comprendere perché Paperino e molti altri paperi siano attratti da sua cugina Mary Jane Ghigno, modella di professione.

Paperino, infatti, ne è follemente innamorato, proprio perché questa papera, a differenza di Bum Bum Ghigno, è avvenente e ben curata.

A proposito di Paperino, con lui ha un’amicizia di lunga data: quando Bum Bum Ghigno arrivò a Paperopoli da piccolo, inizialmente non legò affatto con il papero e anzi c’era una certa rivalità fra i due.

Poi, con il tempo, l’autore del personaggio, Corrado Mastantuono, ha voluto dare un risvolto positivo alla faccenda facendo nascere fra i due un’amicizia fraterna.

Sarà anche per via dei loro caratteri da “eterni sfortunati” che i due vanno d’accordo.

Inoltre, sia Archimede che Paperino non nutrono pregiudizi nei confronti di Bum Bum Ghigno, a differenza di quanto fanno i restanti Paperopolesi.

Ha anche un fratello, Toddi Ghigno, che è più sveglio e affermato di lui tanto da lavorare in banca a Paperopoli.

Close