Paperino e il torneo monetario

360

paperino-e-il-torneo-monetarioPaperino e il torneo monetario è la storia che segna l’esordio del personaggio di Cuordipietra Famedoro. L’avventura a fumetti, scritta e disegnata da Carl Barks, è stata pubblicata per la prima volta in Italia sul numero 152 di Topolino, nel 1956. Cuordipietra è un papero del Sudafrica, che si pone come principale nemico di Paperone in termini di affari e di successo economico. Non a caso è, infatti, il secondo papero più ricco del mondo. Per molti versi il carattere di Cuordipietra è simile a quello del personaggio di Paperopoli, ma il magnate dell’Africa si mostra sleale e capace di fare qualsiasi cosa per annientare il suo avversario. Nelle storie pubblicate in America, Cuordipietra diventerà uno dei nemici più presenti di Paperone. In Italia invece si farà avanti Rockerduck, sempre inventato dall’uomo dei paperi.

La trama della storia inizia al parco. Paperone legge su un giornale che Famedoro dice di essere il papero più ricco del mondo. Per questo il papero di Paperopoli pensa di effettuare una sfida con l’altro miliardario, perché scopre di avere esattamente la quantità di denaro corrispondente a quella dichiarata da Famedoro. Paperone parte, dunque, per il Sudafrica accompagnato dal nipote Paperino e da Qui, Quo e Qua. I paperi scoprono che Cuordipietra possiede un deposito simile a quello di Paperone e apprezza le nuotate in mezzo alle monete.

Dopo una notte insonne durante la quale i due paperi cercano di stabilire chi sia il più ricco, il giorno dopo decidono di srotolare le sfere di spago che entrambi possiedono. Dopo numerosi imprevisti i due gomitoli vengono in parte distrutti, incendiati e strappati. Alla fine rimangono due palline più piccole, che hanno la stessa misura. Ma Paperone stupisce tutti aggiungendo un pezzettino di spago che tiene legata la sua preziosa numero 1. Per questo motivo ottiene la vittoria nella curiosa sfida.